Additivi alimentari: la chimica che mangiamo ci sta distruggendo

Additivi alimentari: la chimica che mangiamo ci sta distruggendo

Oggigiorno, il nostro stile di vita ci porta a consumare cibi frugali, di buon profumo (grazie agli additivi), di ottimo sapore (grazie agli additivi), di ottima consistenza (grazie gli additivi), di bello aspetto (grazie agli additivi) e che si conservano a lungo termine (ancora grazie agli additivi).

Cosa si scopre poi? Che un alimento, consumato nel tempo è responsabile di patologie gastro-intestinali. Sarà ancora una volta grazie agli additivi? Scopriamolo insieme.

Additivi alimentari: la chimica che mangiamo ci sta distruggendo
Gli additivi alimentari sono sostanze di varia natura aggiunte artificialmente agli alimenti per conferirgli particolari proprietà: colorare, dolcificare, conservare.(http://www.improntaunika.it)

Additivi alimentari: la chimica che mangiamo ci sta distruggendo

Gli additivi chimici sono ormai presenti in quasi tutti gli alimenti che mangiamo. Sono pochi quelli a cui non è consentito addizionare alcun additivo, come ad esempio: il latte fresco pastorizzato, olio di oliva, yogurt al naturale. Anche il miele, caffè, tè, acqua minerale e infine lo zucchero. Esistono diversi tipi di additivi, ognuno con funzioni  diverse.

Poiché tutte le sostanze, anche quelle più comuni e sicure, possono essere tossiche se usate in eccesso, di ciascun additivo viene valutata l’eventuale tossicità acuta, a breve termine, a medio termine e infine quella cronica.

Vi siete mai chiesti il motivo dei più recenti disastri alimentari? Sono semplicemente la conseguenza dell’industrializzazione dei prodotti.

Ricordiamo i principali disastri alimentari

  • Vino al metanolo (1986),
  • Mucca pazza (2000),
  • Influenza aviaria (2003),
  • Febbre suina (2009),
  • Mozzarella blu (2010),
  • Maiali e diossina (2011),
  • Olio deodorato.
Additivi alimentari: la chimica che mangiamo ci sta distruggendo
L’influenza aviaria è soltanto una delle tanti catastrofi alimentari della storia contemporanea. (http://www.movimento5stellefvg.it)

Quali sono i principali additivi e dove li possiamo trovare?

  • Nitriti e Nitrati di sodio e potassio: si trovano nella carne e nei salumi. Possono modificare il funzionamento della tiroide oppure trasformarsi in composti cancerogeni.
  • Solfiti: sono presenti nei crostacei, nel vino, nella frutta secca e candita, ed anche nei funghi secchi. Possono causare asma e orticaria.
  • Fosfati: si  trovano nei budini, nei gelati, nel latte concentrato e infine nel prosciutto cotto. Possono causare osteoporosi.

[eat]

 

Capiamo il significato delle sigle “E” riportate in etichetta

Le sigle “E” sulle etichette indicano la presenza di additivi chimici approvati dall’Unione Europea:

  • Antiossidanti: prolungano la durata degli alimenti. Esempio: la vitamina C, chiamata anche acido ascorbico o E300.
  • Coloranti: usati per sostituire il colore naturale o per dare un colore adatto. Per esempio: il caramello (E150a), presente spesso anche nell’aceto balsamico.
  • Emulsionantistabilizzantiaddensanti e gelificanti: le lecitine (E322), per esempio, favoriscono la miscela di ingredienti, come l’olio e l’acqua. Una sostanza gelificante usata comunemente (marmellate) è la pectina (E440).
  • Esaltatori di sapidità: esaltano il sapore di alimenti salati e dolci. Esempio: il glutammato monosodico (E621), spesso aggiunto a minestre, salse, salsicce.
  • Conservanti: impediscono la deterioramento degli alimenti. Esempi: l’anidride solforosa (E220) per impedire a muffe e batteri di formarsi sulla frutta secca; i nitriti e i nitrati (E249-E252) per carni e salumi.
  • Dolcificanti: usati al posto dello zucchero in bibite, yogurt e gomma da masticare. Per esempio: aspartame (E951), saccarina (E954) e acesulfame-K (E950).

Come bisogna comportarci?

E’ importante che il nostro stile di vita punti al consumo di alimenti semplici e meno sofisticati. Quindi ad alimenti che non siano a lunga conservazione, ma rigorosamente freschi, di stagione e meglio ancora se biologici e a km zero. Una cosa è certa: in questo modo creeremo senz’altro danni all’industria alimentare, la quale oggigiorno produce principalmente prodotti  lunga conservazione e cibo industrializzato.

Non sottovalutiamo che più il cibo è industrializzato, maggiore è la quantità di additivi utilizzati. Evitandoli, potremmo dire di far prevenzione ed evitare malattie croniche di nuova generazione.

Ti piace cucinare? Pensi di poter vincere un talent con la tua ricetta? Partecipa a Sharing Chef, il primo social talent del gusto. Iscriviti subito, clicca qui, partecipazione gratuita e premi finali per i vincitori.

Potrebbe interessarti anche:

Lasciaci un tuo commento

Please enter your comment!
Please enter your name here