Quanto caffè si deve bere per ottenere benefici?

Uno nuova ricerca indica attraverso un algoritmo quanto caffè si deve bere per ottenere benefici.

Il caffè è una delle bevande più popolari al mondo, insieme al tè, racchiudendo in sé un’intera cultura. Ma quanto caffè si deve bere per ottenere benefici? Una ricerca risponde alla domanda.

Leggi anche: Non è sempre l’ora del caffè! Sai qual è il momento migliore per berlo?

Grazie ad un nuovo algoritmo sviluppato per l’esercito degli Stati Uniti, ora sappiamo esattamente quanto caffè si dovrebbe bere per essere vigili in mancanza di sonno.

“Il nostro algoritmo è il primo strumento quantitativo che fornisce indicazioni automatizzate e personalizzate per un dosaggio sicuro ed efficace della caffeina per massimizzare la vigilanza nei momenti più necessari durante qualsiasi condizione di perdita del sonno”, ha affermato l’autore senior Jaques Reifman, PhD.

quanto caffè si deve bere
Caffè. Photo credit:
Erik Witsoe by unsplash.com

Reifman, ricercatore senior presso l’US Army Medical Research e Materiel Command di Ft. Detrick, Maryland, e il suo team hanno sviluppato l’algoritmo partendo da un modello matematico che prevede gli effetti che la perdita di sonno o l’assunzione di caffeina ha sulla prestazione di attività di vigilanza psicomotoria (PVT). Questo ha dato loro i mezzi per stimare quali effetti avrebbe la stanchezza o una tazza di caffè sullo stato di un soggetto.

I PVT sono essenzialmente semplici test del tempo di risposta. Sono stati condotti in vari momenti per diversi giorni e registrati insieme al programma di assunzione di caffeina di un soggetto.

La seconda parte dell’algoritmo funziona con i dati grezzi forniti da questo modello matematico per determinare la quantità di caffeina che il soggetto dovrebbe consumare per mantenere l’attenzione ai livelli massimi, anche durante la perdita di sonno. Gli utenti forniscono il loro programma di sonno / veglia e la quantità massima di caffeina che sono disposti ad ingerire e l’algoritmo fornisce una strategia di dosaggio adeguata alle loro esigenze.

Leggi anche: 3 caffè al giorno fanno bene al cuore! Così dicono recenti studi sulla bevanda più amata al mondo

Per testare il loro sistema, il team ha calcolato le strategie di dosaggio utilizzate in quattro studi pubblicati precedentemente sulla perdita di sonno. Sono state generate e confrontate due strategie per ogni studio – una per aumentare la vigilanza (misurata dalle prestazioni del PVT) usando la stessa quantità di caffeina dello studio originale (massimizzando gli effetti) mentre l’altra mirava a raggiungere gli stessi livelli di attenzione usando una quantità inferiore di caffeina (riducendo al minimo il dosaggio).

“Abbiamo scoperto che usando il nostro algoritmo, che determina quando e quanto caffeina un soggetto dovrebbe consumare, possiamo migliorare la vigilanza fino al 64%, consumando la stessa quantità totale di caffeina”, spiega Reifman.

“In alternativa, un soggetto può ridurre il consumo di caffeina fino al 65% e ottenere comunque miglioramenti equivalenti nella vigilanza.”

Sebbene sia stato sviluppato per applicazioni militari, l’esercito americano sta attualmente cercando di ottenere la licenza del software, con l’obiettivo di produrre un’app per smartphone commerciale per uso pubblico.

Il documento “Strategie di dosaggio della caffeina per ottimizzare la vigilanza durante la perdita del sonno” è stato pubblicato sul Journal of Sleep Research.

Potrebbe interessarti anche: