Birra artigianale e birra industriale: le differenze

Chi l’avrebbe mai detto… da qualche anno a questa parte in Italia si è segnato lo storico sorpasso, a dispetto della tradizione vinicola del Bel paese, adesso gli italiani preferiscono consumare più birra che vino (con la birra artigianale nuovo “mantra” degli appassionati), tanto a casa quanto nei locali pubblici.

Birra artigianale
Birra, non solo Homer… a quanto pare anche gli italiani preferiscono la birra al vino (photo credit: devilschairpubroma)

Questo ha incrementato l’offerta e la diffusione della bevanda a base di luppolo, ed ha fortemente incoraggiato anche la produzione di birra a livello artigianale. Spesso, però, il fruitore si trova di fronte a una scelta: da un lato birre dal nome conosciuto e di più ampia diffusione, di realizzazione industriale; dall’altro marchi meno noti, a distribuzione prevalentemente locale e produzione artigianale. Ma quali sono le differenze tra questi due prodotti? Birra chiara, birra scura, birra rossa? No, non è il colore a fare la differenza! Conoscerle, e conoscere le diverse lavorazioni e le conseguenti caratteristiche diventa necessario per poter operare una scelta di gusto.

birra artigianale
Boccali di birra… per tutti i gusti! (photo credits: hdwallpaperscool)

Birra artigianale e birra industriale: le differenze

Una distinzione che si basi esclusivamente sul volume di produzione e distribuzione comincia ormai a essere limitata e poco utilizzabile. Non esiste, infatti, un limite uniformemente accettato che stabilisca le quantità di birra al di sotto della quale si definisce una produzione artigianale. E se è vero che il volume commerciale della birra prodotta industrialmente e il suo raggio di distribuzione sono decisamente più ampi (anche per i motivi organolettici che vedremo fra poco), è pur vero che negli ultimi tempi le birre artigianali, solitamente a distribuzione geografica locale, cominciano a essere accolte sui banconi del supermercato, o vanno a rifornire i brewpub di regioni del Paese parecchio distanti da quella di origine.

produzione birra artigianale
Impianto di produzione della birra (photo credits: enjoyfoodwine)

La prima e fondamentale distinzione, quindi, riguarda le fasi di produzione: la birra industriale va incontro a due processi che non vengono applicati a quella artigianale, ovvero la pastorizzazione e la filtrazione. La pastorizzazione è un processo termico che, tramite il vapore, porta la birra alla temperatura di 60 gradi per 20-30 minuti. Insieme al microfiltraggio, concorre a depurare la bevanda da eventuali microrganismi. Questi due processi, però eliminano anche dei lieviti che danno carattere al sapore della birra. La pastorizzazione e la filtrazione servono a due scopi fondamentali, legati alla natura industriale del prodotto. In primo luogo si ottiene un livellamento degli aromi della birra: eliminando le variazioni si ottiene un prodotto uniforme, riconoscibile ovunque da qualsiasi consumatore. Inoltre, il prodotto pastorizzato ha un scadenza più lunga e non “soffre” i viaggi, come invece accade con la birra artigianale. Tuttavia, la crescente “sensibilità” dei consumatori nei confronti del prodotto ha portato alcuni produttori industriali a controllare meglio il processo di filtrazione che, se realizzato in modo non troppo invasivo, permette di conservare alcune caratteristiche peculiari del prodotto.

birra-artigianale
Birra artigianale (photo credit: beercollege)

La birra artigianale, di contro, non è sottoposta a processi chimici, è integra e non pastorizzata. Dal momento che non è stata pastorizzata, deve essere tenuta a basse temperature, e va consumata in fretta, dal momento che non contiene conservanti, che spesso sono aggiunti invece alla birra industriale. La birra artigianale conserva, quindi, tutti gli aromi e i profumi originali, e le variazioni di gusto ne definiscono le differenze. Inoltre i produttori di birra artigianale puntano sull’alta qualità degli ingredienti e, data la loro natura “locale”, sperimentano nuovo formule mettendo in risalto i prodotti tipici del territorio. Le birre artigianali sono quindi spesso il frutto di specifici territori. Le birre industriali, invece, contengono spesso additivi chimici che ne prolungano la conservazione, e anche surrogati del malto (mais, riso) che aumentano le rese e quindi i numeri della produzione.

Draft-Beer e birra artigianale
Draft-Beer, birre per tutti i gusti!

Per finire, un’ulteriore differenza tra birre industriali e artigianali è la creatività e l’innovazione che caratterizzano quest’ultime. Un marchio industriale, di solito, si è ormai cristallizzato su una determinata ricetta. Il suo consumatore è legato al brand e vuole ritrovare ovunque lo stesso gusto. Il produttore artigianale, invece, è spinto dall’amore per suo prodotto a cercare sempre nuovi sapori, sperimentando nuove spezie e nuovi ingredienti, per colpire il palato del suo acquirente.

Potrebbe interessarti anche:
Iscriviti gratuitamente al canale TV:

1 Commento

  1. Non sono un consumatore di birra, ho sempre acquistato nei supermercati birra industriale, o nei pub o pizzeria bevuto birra industriale. Da poco ho conosciuto quella artigianale, di preciso birra Menabrea bionda e doppio malto, e posso garantirvi che fino a poco fa bevevo acqua con un po’ di lievito e mais con una spruzzatina di malto, senza retrogusto magari bevi un super tennents e pensi che birra wow mi sento brillo eccezionale…. Ciro

Lasciaci un tuo commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.