Bevi birra? Apprezzi la bevanda più bevuta al mondo? Ma quanto realmente ne sai? Ecco 5 cose da sapere sulla birra rossa!

boccali birra
Boccali di birra… per tutti i gusti! (photo credits: hdwallpaperscool)

Birra rossa, 5 cose da sapere: la birra rossa non esiste!

Prima cosa, la birra rossa non esiste! I fini intenditori diranno che la birra è “ambrata”, mai rossa. Eppure per noi comuni mortali, la birra rossa è viva e vegeta. Ma a cosa deve il suo colore la birra rossa? 

La birra è una bevanda ottenuta per infusione, dove alcuni enzimi presenti all’interno dei chicchi, portati a determinate temperature agiscono per scompattare le parti zuccherine del malto, una parte di questi zuccheri si presta a diventare alcool reagendo successivamente con il lievito durante la fase di produzione, gli altri zuccheri conferiscono aromi e sapori particolari alla birra. Si può ottenere dalla fermentazione di svariati tipi di cereali: riso, mais, sorgo, avena, farro, ma quello più usato, perché meglio si presta alla produzione della birra, è il malto d’orzo che conferisce alla bevanda i colori e i profumi caratteristici. Durante la lavorazione si aggiunge al malto d’orzo il luppolo che, con il suo gusto amarognolo contrasta quello dolce del malto, inoltre funge da stabilizzante e da conservante. Il colore della birra dipende dal tipo di malto usato, per ottenere la birra “rossa”, ad esempio, si adopera una miscela di malti tostati ad alta temperatura e una quantità abbondante di luppolo.

birra rossa
Birra rossa in tutta la sua “purezza” (Photo credit: primotaglio)

Bisogna sapere che esistono diverse tipologie di birra in commercio, chiara, bionda, scura, rossa, forte, aromatica, ma questo non incide minimamente sul tasso alcolico che contiene. Quindi si può avere una birra più o meno alcolica a prescindere dal “colore”.

Se vuoi acquistare birra rossa, segui questo link che ti porterà nella sezione amazon dedicata alle birre rosse in vendita. Clicca qui e scopri il mondo delle birre rosse in vendita

Birra rossa, 5 cose da sapere: processo di lavorazione

Qual è il processo di lavorazione della birra rossa? La birra rossa si ottiene a partire da alcuni ingredienti di base: malto d’orzo tostato o caramellato, luppolo, acqua e lievito. Il processo della birrificazione è piuttosto elaborato e prevede diverse fasi. Si inizia con la maltificazione in cui l’orzo viene sistemato in grandi vasche all’interno delle quali avviene la germinazione. Quindi si passa alla tostatura ad alta temperatura, affinché il malto assuma una colorazione tale da conferire il colore rosso alla birra che si sta producendo. A questo punto l’orzo maltato viene macinato e miscelato con l’acqua calda, si forma il mosto che viene cotto in caldaie di rame. Durante la cottura si aggiunge la giusta dose di luppolo per ottenere la birra rossa. Quindi si lascia raffreddare fino a raggiungere la temperatura adatta alla fermentazione. Questo processo, in base alla birra che si vuole produrre, può avvenire a diverse temperature che, per la birra rossa si aggira fra i 15 e i 20 gradi, perciò ad alta temperatura. Nella preparazione industriale si pratica la pastorizzazione, per eliminare eventuali microorganismi, quindi si filtra e si imbottiglia.

produzione birra
Impianto di produzione della birra (photo credits: enjoyfoodwine.it)

Birra rossa, 5 cose da sapere: proprietà

Quali sono le proprietà della birra rossa? Soprattutto se prodotta artigianalmente, la birra rossa fa bene per le numerose vitamine che contiene, basti pensare che, tra i rimedi antichi, è consigliato il suo consumo limitato alle donne durante l’allattamento. La birra rossa, inoltre, più ricca di luppolo, ha proprietà antitumorali per la presenza di sostanze antiossidanti presenti proprio nel luppolo, come lo lo xantumolo. I suoi benefici si estendono anche a livello cardio vascolare per la presenza di vitamina B6 e rallenta la formazione dell’osteoporosi. Non è da sottovalutare l’aspetto energizzante della birra rossa e quello leggermente sedativo conferito dal luppolo.

Draft-Beer

Birra rossa, 5 cose da sapere: abbinamenti

Quali abbinamenti gastronomici sono consigliati per la birra rossa? Generalmente si collega il consumo della birra con la pizza. Tuttavia gli appassionati di questa bevanda leggermente alcolica, dalle origini antichissime (si pensi che veniva prodotta già in Mesopotamia 4000 anni a. C.), sanno che la sua degustazione a tavola si estende a ben altre portate.

Per il suo gusto deciso la birra rossa si accompagna perfettamente ai piatti di manzo, di agnello, di vitello, salsiccia e a tutte le carni rosse, possibilmente cucinate alla brace. È ottima anche con formaggi stagionati come il Parmigiano e con salumi ed affettati.

birra rossa e carne
Birra rossa e carne, abbinamento perfetto! (Photo credit: ricette.giallozafferano)

Birra rossa, 5 cose da sapere: come degustare

Come gustare la birra rossa? Ogni birra si degusta nel bicchiere adatto, infatti, sembra strano, ma la forma e il tipo di bicchiere di vetro che si adopera influenza il gusto della birra. A questo punto, quale scegliere tra flute, calice, tulipano, pinta, boccale? Bisogna sapere che la birra rossa si serve nel tulipano, ad una temperatura compresa tra i 10 e i 12 gradi. Prosit!

Se vuoi acquistare birra rossa, segui questo link che ti porterà nella sezione amazon dedicata alle birre rosse in vendita. Clicca qui e scopri il mondo delle birre rosse in vendita


Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!

Desidero inviare a Moondo una (scegli l'importo)
carte paypal



Potrebbe interessarti anche:
Iscriviti gratuitamente al canale TV:

3 Commenti

  1. Le informazioni grossolane, sinceramente non appassionano il lettore, se aggungiamo che nel primo periodo si è parlato di distillazione per ottenere la birra, siamo fuori tema.
    Se distillo un cereale malato, ottengo del wisky… vodka…non certamente birra.
    La bevanda più antica al mondo è ottenuta per infusione, dove alcuni enzimi presenti all’interno dei chicchi, portati a determinate temperature agiscono per scompattare le parti zuccherine del malto, una parte di questi zuccheri si presta a diventare alcool reagendo successivamente con il lievito durante la fase di produzione, gli altri zuccheri conferiscono aromi e sapori particolari alla birra.

    • Ciao Giuseppe, abbiamo provveduto a correggere ed integrare l’articolo, con le tue precisazioni. Visto che sei un appassionato (o un cultore della materia), cogliamo l’occasione per invitarti a scrivere, se vuoi, per noi sarebbe un piacere poter offrire contenuti ancora più precisi ed interessanti per i nostri lettori. Se ti va di collaborare con noi scrivici pure a [email protected]

  2. In realtà non è vero che la birra rossa non esiste: provate a venire in Francia e chiedete una “rouge”, anziché una “ambrée” e poi fatemi sapere… 🙂

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.