English EN Italiano IT

Questa settimana parliamo di:

Sapori della Mente Boule De Neige

Boule De Neige

Autore del contenuto

English EN Italiano IT

La cucina è una delle sezioni fiorite a fianco della letteratura potenziale, quella degli “opifici” dell’Oulipo e dell’Oplepo; non vi si producono prodotti gastronomici né diverse procedure culinarie, bensì assemblaggi, combinazioni il cui nesso non è necessariamente del gusto e dei sapori, ma anche d’altro genere.

Vengono fuori storie gastronomiche e menu caratterizzati esclusivamente da unicità cromatica, da riferimenti letterari o cinematografici, dal rispetto di regole che non hanno a che fare con la cucina ma con la retorica, non con i fornelli ma con la combinatoria, non con i tempi di cottura ma con la metrica, non grammi ma lipogrammi, non crostacei ma acrostici, non pasticci ma bisticci, non glasse ma glosse, non ossibuchi ma ossimòri.

BOULE DE NEIGE

Nell’antichità erano detti «versi ropalici» o anche «versi crescenti» quelli costituiti da vocaboli con numero di lettere via via crescenti di una unità (ne parla diffusamente Brunet nella sua Poétique curieuse e Borgmann, in Language on vacation, definisce snow-balls delle frasi basate sullo stesso principio). Il nome boule de neige («palla di neve») dato dagli oulipiani evoca la continua crescita (una palla di neve che rotola accumula via via sempre più neve). Essa ammette molteplici varianti; la più semplice è quella che vede invece decrescere il numero delle lettere (i francesi la definiscono fondante).

La tecnica è in qualche maniera riconducibile a quella del classico technopaegnion, un carme figurato costituito da una serie di versi di differente lunghezza che, nel loro insieme, generano un disegno.

Un’altra variante consiste nel concatenare una boule de neige crescente con una decrescente, in modo da ottenere, nell’insieme, una forma a losanga; o anche al contrario, così da formare la sagoma di una clessidra.

La boule de neige si trasforma invece in “valanga” (avalanche) quando a una boule de neige d’ordine 1 se ne fa seguire una d’ordine 2 e così via, fino all’ultima di ordine n. L’«ordine», naturalmente, è dato dal numero delle sue righe.

In questo Di tutto un po’, i toni di grigio alternati distinguono l’«introduzione», gli antipasti, i primi, i secondi, i contorni, i dolci, la frutta, i vini e gli champagne.

boule de neige
boule de neige





Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:

Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornati sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.