Questa settimana parliamo di:

Curiosità Scienza Broccoli nello spazio, nuove piante crescono nella Stazione Spaziale

Broccoli nello spazio, nuove piante crescono nella Stazione Spaziale

Autore del contenuto

Broccoli nello spazio, la nuova pianta da far crescere nella stazione spaziale alla volta della Luna e Marte.

Verdure nello spazio

Non è la prima volta che gli astronauti hanno preso in considerazione la coltivazione di verdure nello spazio – in realtà, questo è stato fatto prima dalla NASA, e le verdure sono state effettivamente mangiate. Ora, la NASA vuole espandere la sua gamma di verdure spaziali, ma la coltivazione di piante in microgravità non è la cosa più facile del mondo. C’è bisogno di un ambiente gestito con cura, una costante fonte di luce, e anche in queste condizioni non è sicuro che le piante crescano.

broccoli nello spazio
Broccoli (http://sifalibitkiler.ne)

Gli astronauti inizieranno a coltivare i broccoli da sei semi di broccoli che sono stati collocati a bordo della navicella Orbital ATK Cygnus lanciata da Wallops Island, in Virginia, come parte di una missione di rifornimento di carico della stazione spaziale. Tre semi sono semi regolari, mentre gli altri tre sono stati rivestiti con due diverse specie di batteri, sviluppati presso l’Università di Washington: batteri chiamati probiotici.

Ci si aspetta che questi probiotici aiutino le piante a crescere in un ambiente insolito, povero di nutrienti. I batteri speciali appartengono a una classe chiamata endofiti e dovrebbero aiutare le piante a svilupparsi meglio nella micro-gravità.

“Sarebbe l’ideale se potessimo coltivare colture per gli astronauti alla stazione spaziale o sulla Luna o Marte, senza la necessità di spedire miscele o fertilizzanti”, ha detto Sharon Doty, professore UW presso la Scuola di Scienze Ambientali e Forestali. “Vorremmo essere in grado di far crescere le piante in ciò che è disponibile con un input minimo.”

“Questo è il primo passo in quello che spero diventi un programma di ricerca a lungo termine per rendere abitabili Marte e la Luna in modo molto efficiente usando la simbiosi naturale invece di cercare di portare fertilizzanti chimici in quegli ambienti”, ha concluso Doty.






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:

Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornati sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.