English EN Italiano IT

Questa settimana parliamo di:

Consigli e curiosità Conosci le proprietà ed i benefici del dente di leone?

Conosci le proprietà ed i benefici del dente di leone?

Autore del contenuto

English EN Italiano IT

Il dente di leone, o meglio il tarassaco, è una pianta che, come tante altre, può essere un naturale aiuto per il nostro corpo e per il nostro organismo. Impariamo come utilizzare tale risorsa per aiutarci a restare in salute.

Il dente di leone

Dente di leone
Dente di leore – il fiore (foto by Unspash)

La pianta conosciuta come dente di leone, o tarassaco, fa parte della famiglia delle Asteracee, come anche la bardana di cui abbiamo recentemente parlato. Le proprietà di questa pianta sono conosciute e sfruttate sin dai tempi antichi, quando veniva utilizzata a scopo depurativo e disintossicante. A differenza di altre piante, il dente di leone può essere utilizzato in ogni sua parte: dai suoi caratteristici fiori gialli alla radice. Quest’ultima, assieme alle foglie contengono delle sostanze che aiutano il fegato a svolgere il proprio compito depurando l’organismo. Il tarassaco è utilizzato anche in aiuto dei reni. Per questa capacità disintossicante, depurativa e drenante, è consigliato utilizzare il dente di leone soprattutto durante i cambi di stagione. In questi periodi il nostro organismo ha bisogno di un “ricambio” per prepararsi ad affrontare una “nuova avventura”! inoltre il tarassaco è un ottimo sostenitore del nostro sistema immunitario.

Come utilizzare il dente di leone?

Ci sono molti modi diversi di assumere il tarassaco. Il sistema più comune è la tisana, ma lo si può ingerire anche attraverso delle compresse o in tintura madre. Il preparato per la tisana lo si può ottenere anche in casa, prendendo però le dovute precauzioni, altrimenti, nelle erboristerie si possono trovare già pronti. Per la tintura madre e per le compresse bisogna acquistarle nei luoghi addetti. Data la natura di questa pianta, potrebbe incidere particolarmente sulla produzione dei succhi gastrici, andando a creare situazioni di iperacidità gastrica. Per questo motivo prima di assumerla conviene chiedere consiglio ad un medico. Se ne sconsiglia l’uso, quindi, per i casi in cui si soffre di gastrite o ulcera peptica ed in modo particolare per le donne in gravidanza.






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:

Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornati sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.