Un nuovo studio ha dimostrato come gli integratori più comuni non apportano alcun beneficio alla salute, è molto meglio una dieta sana.

Invece di integratori, i ricercatori suggeriscono di attuare una dieta sana

Vitamine, minerali, integratori alimentari, spesso vengono usati per sopperire ad alcune mancanze nutrizionali. Ma apportano davvero benefici alla nostra salute? Un nuovo studio risponde di no.
La ricerca ha scoperto che multivitaminici, vitamina D, calcio e vitamina C – gli integratori più comuni – non hanno mostrato alcun vantaggio o aggiunto rischio nella prevenzione cardiovascolare malattia, infarto, ictus o morte prematura. Persino i ricercatori sono rimasti sorpresi nel vedere quanto poco differenza questi supplementi abbiano prodotto.

integratori alimentari
Dieta sana. Photo credit: Sven Scheuermeier by unsplash.com

“Siamo stati sorpresi di trovare così pochi effetti positivi dei supplementi più comuni che le persone consumano”, ha detto il dottor David Jenkins, autore principale dello studio. “La nostra revisione ha rilevato che se si desidera utilizzare multivitaminici, vitamina D, calcio o vitamina C, non fa male – ma non vi è alcun vantaggio apparente”.

L’unica cosa che sembrava funzionare come previsto era l’acido folico. L’acido folico è una vitamina del complesso B necessaria al corpo per produrre globuli rossi. Una carenza di questa vitamina causa alcuni tipi di anemia (basso numero di globuli rossi). I ricercatori hanno scoperto che i supplementi di acido possono ridurre sia le malattie cardiovascolari che il rischio di ictus.

I ricercatori suggeriscono che in assenza di prove significative, le persone non dovrebbero concentrarsi sugli integratori alimentari, e invece ottenere le loro vitamine e minerali da una dieta sana.

“Finora, nessuna ricerca sugli integratori ci ha mostrato qualcosa di meglio delle porzioni salutari di cibi vegetali meno elaborati tra cui verdure, frutta e noci”, conclude Jenkins.

Le diete che lo studio consiglia sono quelle che preferiscono frutta e verdura rispetto a carne e latticini: dita mediterranea e dieta vegetariana.

Lo studio è stato pubblicato su The Journal of the American College of Cardiology.


Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!

Desidero inviare a Moondo una (scegli l'importo)
carte paypal



Potrebbe interessarti anche:
Iscriviti gratuitamente al canale TV: