Questa settimana parliamo di:

Curiosità Scienza Il riso sempre più povero di valori nutrizionali a causa dell'aumento della...

Il riso sempre più povero di valori nutrizionali a causa dell’aumento della CO2

Autore del contenuto

 

Secondo un nuovo studio pubblicato si Science Advances, il riso sta perdendo i suoi valori nutrizionali a causa dell’aumento dei livelli di anidride carbonica nell’atmosfera.

Dopo il grano, il riso è la seconda coltura alimentare più importante nei paesi in via di sviluppo. Oltre due miliardi di persone in Asia e centinaia di milioni in Africa e America Latina dipendono dal riso per il fabbisogno calorico giornaliero. Questo alimento è un’importante fonte di proteine ​​e vitamine, per le ultime scoperte dei ricercatori dell’Università di Tokyo sono così preoccupanti. Secondo questo studio l’aumento dei livelli di CO2 nell’atmosfera sta riducendo il valore nutrizionale del riso, in particolare ferro, zinco, proteine ​​e vitamine B1, B2, B5 e B9.

valori nutrizionali
Riso. Photo credit: Vitchakorn Koonyosying

Il professor Kazuhiko Kobayashi e colleghi dell’Università di Tokyo hanno deciso di coltivare il riso in Cina e Giappone usando il metodo a campo aperto, chiamato FACE, perché le piante allevate in una serra chiusa non crescono come in condizioni normali sul campo. L’aria con concentrazioni più elevate di anidride carbonica, come previsto nella seconda metà di questo secolo (da 568 a 590 parti per milione), è stata soffiata attraverso ottagoni di tubo di plastica largo 17 metri (circa 56 piedi) a circa 30 centimetri (1 piede) sopra le cime delle piante all’interno di campi di riso standard.

I ricercatori hanno analizzato 18 diverse varietà di riso per i livelli di proteine, ferro e zinco. Nove varietà di riso coltivate in Cina sono state utilizzate per le analisi di vitamina B1, B2, B5 e B9.

Gli esperimenti hanno offerto l’opportunità di indagare su come un raccolto si adegua alle altezze prevedibili di CO2 nell’atmosfera. Ma come con qualsiasi altro esperimento scientifico unico, i ricercatori giapponesi hanno dovuto superare alcune sfide, compresa la presenza di ospiti non invitati.

“Gli esperimenti unici hanno attratto altre specie. Un esempio sono stati i procioni nella mia esperienza personale. Abbiamo fatto l’esperimento FACE nei campi dei contadini, dove abbiamo installato tubi di plastica per campionare l’aria dal campo e misurare le concentrazioni di CO2 nelle trame sperimentali. I procioni uscivano di notte dalle montagne vicine e rosicchiavano i tubi di plastica compromettendo l’esperimento. Abbiamo quindi dovuto alzare le valvole più in alto della loro portata.”, ha detto Kobayashi a ZME Science.

Poco si sa sui meccanismi responsabili del declino delle concentrazioni di nutrienti associati a CO2 elevata. Alcuni autori hanno proposto la “diluizione dei carboidrati” per cui la produzione di carboidrati stimolata dalla CO2 da parte delle piante diluisce il resto dei componenti del grano, ma gli studi fino ad ora sono stati inconcludenti. Quello che è certo è che sta accadendo.

“Le nostre scoperte hanno dimostrato un altro motivo per cui dobbiamo essere preoccupati per l’alimentazione per le fasce più povere della popolazione nei paesi meno sviluppati. Qualsiasi misura volta a migliorare la loro nutrizione attenuerebbe efficacemente gli effetti negativi del contenuto di nutrienti inferiore a livelli più elevati di CO2. Le misure potrebbero essere politiche migliori e / o varietà migliori, ma devono raggiungere la popolazione target”, ha scritto Kobayashi.

Il riso non è l’unico ad essere in pericolo, infatti studi precedenti hanno scoperto che l’aumento dei livelli di anidride carbonica nell’atmosfera riduce il valore nutrizionale di altre colture di base, come il grano o la soia. “Questa è una delle moltitudini di sfide del cambiamento climatico dovute alla produzione di energia basata sul consumo di combustibili fossili . Noi, nei cosiddetti paesi sviluppati, sfruttiamo le energie dei combustibili fossili, pur avendo pochi problemi con i cereali meno nutrienti, perché prendiamo le sostanze nutritive da altri alimenti. D’altra parte, quelli nei paesi meno sviluppati dipendono dai cereali per il loro apporto di nutrienti e sarebbero influenzati dai cambiamenti nel contenuto di nutrienti nei cereali. E sono molto meno responsabili per il cambiamento climatico di quanto lo siamo noi per persona. Questo è davvero un peccato per noi, penso, “conclude Kobayashi






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:

Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornati sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.