English EN Italiano IT

Questa settimana parliamo di:

Consigli e curiosità Maritozzi di Quaresima, prova la ricetta tipica della cucina romana

Maritozzi di Quaresima, prova la ricetta tipica della cucina romana

Autore del contenuto

English EN Italiano IT

La nascita del maritozzo risale ai tempi dell’Antica Roma e, tutt’ora, è uno dei dolci tipici della cucina romana usati principalmente nel periodo di Quaresima. Prepariamo insieme dei buonissimi maritozzi di Quaresima

Maritozzi di Quaresima, un po’ di storia

A Roma, in tempo di Quaresima, la tradizione voleva che il primo venerdì di marzo i fidanzati offrissero alle loro promesse spose “er maritozzo santo“, chiamati oggi maritozzi di Quaresima o maritozzi quaresimali. Al loro interno venivano nascosti anellini o altri oggetti preziosi in vista del matrimonio. Nel corso degli anni la loro forma è cambiata: ovali, a forma di cuore o guarniti da bianche colombine di zucchero.

L’origine del termine è ovviamente popolare, infatti Maritozzo è uno spregiativo di marito (e anche un modo di dire scherzoso).

maritozzi di quaresima
Maritozzi di Quaresima, prova la ricetta tipica della cucina romana (www.pinterest.com.au)

Maritozzi di Quaresima, prova la ricetta tipica della cucina romana

Esistono diverse varianti per la preparazione dei maritozzi, oggi prepariamo la versione dei maritozzi di quaresima, seguendo la ricetta tradizionale della cucina romana.

Ingredienti:

  • 200 g di farina,
  • 50 g di burro,
  • 1 uovo,
  • 20 g di lievito di birra,
  • 3 cucchiai di zucchero,
  • 100 g di uvetta lavata, ammollata e asciugata,
  • 1 cucchiaio di pinoli,
  • 1 cucchiaio di buccia di arancia candita a pezzetti,
  • un pizzico di sale

Preparazione:

In una terrina, lavorare energicamente la farina, il lievito, l’uovo ed il burro. Unire poi due cucchiai di zucchero e lasciarlo lievitare in un luogo tiepido. Quando la pasta avrà raddoppiato di volume, unire i pinoli, l’uvetta e la buccia di arancia a dadini. Suddividere l’impasto in 12 panini ovoidali e posizionarli su una teglia ricoperta da carta da forno, o su una teglia in silicone.

Lasciare di nuovo lievitare i maritozzi di Quaresima per altre due ore e poi infornare in forno preriscaldato a 250° per 6/7 minuti. Spennellarli con un cucchiaio di zucchero sciolto in pochissima acqua e rimettere in forno caldo ma spento, per far indurire la glassa.

Nella versione senza pinoli, canditi e uvetta, una volta freddi è possibile tagliare i maritozzi per il lato lungo e riempirli di panna montata.






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:

Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornati sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.