Questa settimana parliamo di:

Marginalia Noi di MoondoMangiare

Noi di MoondoMangiare

Autore del contenuto

Siamo convinti che sia necessario un rinnovato impegno per aprire una fase nuova di sviluppo in cui al centro della scena ci sia il consumatore che ha il diritto di essere informato su ciò che acquista e mangia, per il semplice fatto che questo a che vedere con la sua salute. La prima cosa per garantire questo sacrosanto diritto è una etichetta chiara e trasparente in cui oltre ingredienti e valori nutrizionali oltre l’origine e i claim salutistici ci sia la descrizione del processo di produzione e gli additivi chimici che vengono utilizzati. E altrettanto importante è la competenza professionale di quanti producono cibo. Ci vuole la patente.

Noi di MoondoMangiare siamo convinti che sia necessaria una netta distinzione, risultante in etichetta, tra cibo artigianale e industriale. Necessario protagonista è la Grande Distribuzione, di cui viene nel regolamento europeo 625 espressamente richiamata la responsabilità per quanto offerto ai suoi clienti. Il governo italiano è chiamato ad emanare un decreto legislativo contenente il codice degli alimenti e nuove norme sulle etichette che descrivono processo di produzione, ingredienti e additivi.

Leggendo le etichette di alcuni oli di semi e di grassi alimentari si nota che gli effetti salutistici sono spesso dovuti all’ aggiunta di composti tra cui la vitamina E e non alla sua presenza naturale. I miracoli della chimica raggiungono vette di eccellenza nel caso di condimenti, simili al burro, che vengono definiti “burro light” solo perché non contengono grasso, oltre l’80% come il burro, bensì acqua sino a quasi il 60 % in peso !!! Grazie ad una sapiente formulazione a base di emulsionanti, tra cui una categoria imputata di causare reazioni allergiche (E 476). Il tutto reso gustoso e aggiustato con sale, conservanti, coloranti e aromatizzanti: si tratta, in sintesi, di una spugnetta sintetica imbevuta di acqua, con un po’ di grasso, da consumare preferibilmente a crudo (a caldo si disfa?). Nel caso di oli, da usare anche per frittura, notiamo che in nessuna etichetta viene indicato il punto di fumo, che è la temperatura alla quale l’olio si decompone in composti volatili, tra cui alcuni altamente tossici come l’acroleina. Se si vuole friggere a 170- 180°, come viene raccomandato per avere un fritto croccante ed asciutto, l’olio più stabile è l’olio extra vergine di oliva che ha un punto di fumo di 210°C”.

Leggi anche
Diritto di mangiare bene






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:

Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornati sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.