English EN Italiano IT

Questa settimana parliamo di:

Alta Marea Perché un ciambellone è pur sempre il Ciambellone

Perché un ciambellone è pur sempre il Ciambellone

Autore del contenuto

English EN Italiano IT

Questa è una delle ricette che fanno la mia storia, ben installate nella mia mente e conservate nel mio cuore, riescono a superare l’indifferenza dell’elenco degli ingredienti e fanno parte di quei sapori della famiglia che amo condividere. Ci sono, infatti, profumi, così come i sapori, che ci catapultano nei meandri della memoria e fanno bene all’anima.

Il ciambellone, a metà strada tra il caldo buono delle carezze materne e la corona del Re intarsiata di grani di zucchero che la mia fantasia trasformava in brillanti, è il dolce che la mia mamma mi preparava nelle mattine d’inverno per la nostra colazione.

Mi alzavo presto per fare puntualmente le mie cose, ma già l’odore dolce e invitante, che veniva dalla cucina, mi incitava a sbrigarmi per non fare troppo soffrire le mie papille gustative.

Mi dispiaceva solo che mia madre avesse preparato il tutto molto prima del nostro risveglio, per evitare che noi piccoli potessimo affondare le dita nell’impasto. Che peccato! Che delusione! Quel piacere era qualcosa di indescrivibile, era una piccola monellata che ci dava un gusto infinito.

Sembra impossibile, ma ancora oggi, nell’età dell’informatica, dei McDonald, dei fast food, i miei nipoti, ogni volta che preparo loro il ciambellone, mi gironzolano intorno per affondare , in un momento di mia disattenzione, le loro manine nell’impasto. Il gioco e il piacere è sempre lo stesso ed anche se gli anni passano, le generazioni continuano a godere delle stesse cose.

Ricetta ciambellone

Bene, questa mia ricetta non ha niente di speciale, le dosi però sono perfette e tali che il semplice ciambellone della nonna riesce sempre soffice al punto giusto e piacevole al gusto.

Ingredienti:

  • 3 uova
  • 150 gr di burro
  • 275 gr di zucchero
  • 380 gr di farina OO
  • 1 ½ bustina di lievito
  • Buccia di 1 limone gratt
  • 1 bicchiere di latte
  • 1 pizzico di sale

Un consiglio importante: passate la farina al setaccio, così da dividerne i grani permettendo all’aria di penetrare tra le sue particelle. L’ossigeno inglobato nella farina favorirà l’assorbimento di acqua; si formerà una maglia glutinica migliore, la lievitazione ne beneficerà. 

Io, di solito seguo questo procedimento.

Lavoro ben bene le uova con lo zucchero, poi aggiungo la buccia di limone grattugiato, la farina stacciata insieme al lievito per dolci. Incorporo tutto ben bene e aggiungo il burro a temperatura ambiente ed in ultimo 1 bicchiere di latte.

Lavoro ancora il tutto e intanto imburro e poi cospargo di farina una teglia con il buco, verso il composto e inforno a 180° per 40 min. Per essere più sicura della giusta cottura metto uno stecchino nel ciambellone e se risulta asciutto, è pronto. Spengo il fuoco e aspetto che si intiepidisca.

Quindi sforno lo stampo e lo capovolgo in un piatto adatto e appena è freddo lo spolvero di zucchero a velo.

Leggi anche
Il Gattò






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:

Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornati sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.