I fagioli con le cotiche sono un piatto tipico della cucina laziale. Romana, vorrei dire! E no, laziale. Perchè già ai tempi degli Etruschi si usavano i fagioli tritati, come condimento da gustare insieme alla carne di maiale, presumibilmente proprio con le cotiche. Poi ovviamente i fagioli con le cotiche divennero un piatto tradizionale dell’antica Roma, fino a tramandare la tradizione culinaria ai giorni nostri.

Fagioli con le cotiche e olio tuscus
Fagioli con le cotiche un piatto tipico della cucina tradizionale del Lazio

Ancor oggi nel Lazio sono numerose le sagre paesane dedicate ai fagioli. Una delle più note è quella che si svolge a Sutri, in provincia di Viterbo, patria del fagiolo della Regina. Parliamo di un saporito fagiolo borlotto, che gode di una antica nomea, sembrerebbe infatti dotato di “poteri miracolosi“. Forse tanta fama gli deriva da un episodio, avvolto tra realtà e leggenda. Sembrerebbe infatti che Carlo Magno, di passaggio a Sutri, venne colpito da un terribile attacco di gotta, i medici del tempo tentarono le cure con qualsiasi mezzo, ma senza successo. Finché il Re non assaggiò il magico fagiolo della Regina, guarendo miracolosamente. Fatto sta che il piatto più famoso della sagra di Sutri sono proprio i fagioli alla poverina, olio, sale, pepe, cipolle e… tante cotiche! Vediamo allora come preparare una delle tante ricette tipiche della Tuscia, un bel piatto di fagioli con le cotiche!

Fagioli con le cotiche: ingredienti

  • 300 gr di Fagioli gialli secchi
  • Cipolla 300 gr di cotiche
  • Olio extravergine di oliva
  • Vino bianco
  • 500gr di pomodori pelati
  • Sale
  • Pepe

Fagioli con le cotiche

Fagioli con le cotiche: preparazione

Per realizzare un buonissimo piatto di fagioli con le cotiche, procedi nel seguente modo:

  • metti a bollire le cotiche e puliscile;
  • realizza un fondo di cotture con un buon olio extravergine d’oliva (ad link), sedano, carote, cipolla, salsa di pomodoro, sfumando con del vino bianco secco;
  • aggiungi i fagioli e le cotiche, aggiusta con pepe e sale;
  • attendi fino alla cottura dei fagioli e servi aggiungendo ancora un goccio di olio extravergine.


Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!

Desidero inviare a Moondo una (scegli l'importo)
carte paypal



Potrebbe interessarti anche:
Iscriviti gratuitamente al canale TV: