Questa settimana parliamo di:

Consigli e curiosità Come augurarsi buona fortuna a tavola? I cibi portafortuna per la cena...

Come augurarsi buona fortuna a tavola? I cibi portafortuna per la cena di Capodanno

Autore del contenuto

Cosa ci si augura per il nuovo anno? Beh, in genere abbondanza, buona sorte, salute, soldi e allegria. E dietro i cibi tradizionali del cenone di capodanno si nasconde una complessa simbologia, nata con i popoli indoeuropei che arriva fino al cristianesimo, passando per la cabala. Esistono infatti una miriade di cibi portafortuna che, secondo le usanze, vanno mangiati la sera di San Silvestro come augurio per un fantastico nuovo anno.
Vediamo, dunque, i piatti portafortuna.

Le lenticchie

cibi portafortuna
cibi portafortuna per il nuovo anno (ilgiornaledelcibo.it)

La pietanza più famosa come portafortuna sono le lenticchie. Sin dai tempi dei Romani, erano considerate un buon augurio per la loro somiglianza con le monete. Non solo d mangiare ma anche da regalare in sacchettini o da appendere sotto l’albero o da utilizzare per simpatici segnaposto.

Il maiale

Vi siete mai chiesti perché il salvadanaio ha in genere la forma del maialino? Perché il maiale, simbolo della civiltà contadina nella quale “non si butta via nulla”, è da sempre simbolo di abbondanza e di progresso materiale. Facile da allevare e dalle carni a buon mercato, per i contadini era una vera prelibatezza. E quindi sotto con lo zampone e il cotechino.

Il riso

Il riso è da sempre considerato un portafortuna non a caso viene usato nei matrimoni come buon augurio. Il risotto portafortuna con eccellenza? Quello con la melagrana.

Il peperoncino

Fin dal loro arrivo in Europa dalle Americhe, è il peperoncino è portafortuna per eccellenza. Per i Romani, e non solo, la simbologia fallica era utilizzata come augurio di fertilità, sia familiare che economica legata all’agricoltura. Da qui deriva il cornetto rosso usato come portafortuna, spesso costruiti in preziosissimo corallo rosso. Quando, nel XVI secolo, nell’Italia meridionale arrivò il peperoncino, la fortuna divenne a buon mercato. Appeso nelle case e nei negozi serviva per difendersi dal malocchio. Da qui anche l’usanza di indossare l’intimo rosso la sera di capodanno.

La frutta secca

In Francia ce ne sono 13 tipi e qui è il portafortuna per eccellenza. Per i Romani la frutta secca era un simbolo ben augurante, soprattutto durante i matrimoni.

 L’uva

La tradizione di mangiare un chicco d’uva per ogni rintocco dell’orologio allo scoccare della mezzanotte è di origine spagnola. Spagna a parte, l’uva è comunque considerata tradizionalmente un simbolo d’abbondanza e di allegria.

La melagrana

Per la mitologia greca e romana, il melograno era la pianta sacra a Giunone e a Venere, e quindi simbolo di fertilità e ricchezza per i loro gustosi grani rossi. Perfetti nel risotto.

Il mandarino

Per il Feng Shui cinese, il mandarino è uno dei portafortuna per eccellenza, grazie alla sua forma quasi perfettamente sferica che richiama l’infinito. Per il Capodanno cinese, non a caso, si regalano mandarini. Un simbolismo positivo, quello del mandarino e degli agrumi, presente anche nella tradizione occidentale.






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:

Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornati sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.