English EN Italiano IT

Questa settimana parliamo di:

Alta Marea Il Re delle nostre Tavole: il Pomodoro

Il Re delle nostre Tavole: il Pomodoro

Autore del contenuto

English EN Italiano IT

Questa che propongo non è una vera e propria ricetta e non so bene se sia tra le ricette tipiche della mia regione. Ho provato a fare una ricerca, ma niente assomiglia alla “Cialda o Cialdella”, così come veniva chiamata nella mia infanzia, che, nelle assolate giornate estive, mia madre preparava per un pranzo frugale, leggero e fresco.

In realtà, nell’Italia meridionale, con il nome di cialda si definisce un piatto che è una grande insalata con pomodori, patate, cipolle, tonno e quant’altro, ma è molto lontano da quella deliziosa preparazione che, pur nella sua semplicità, ci attirava per il suo bouquet profumatissimo e per quella sensazione di fresco che riusciva a donarti.

A metà strada tra un gaspacho spagnolo e un pane e pomodoro contadino, il suo segreto è dato da alcuni passaggi molto significativi e dalla bravura di emulsionare  i vari ingredienti.

Occorre:

  • 1 cipolla fresca
  • 5/6 pomodori rosso
  • Olio
  • Sale origano q.b.
  • Basilico q.b.
  • Pepe
  • Sale
  • Acqua
  • Ghiaccio
  • Pane raffermo ma non duro

Si inizia tagliando a fettine sottili la cipolla che deve essere messa in una ciotola con acqua fredda e sale (questo toglierà il sapore un po’ forte e la renderà più digeribile), nel frattempo spremere  il succo dei pomodori in una ciotola e evitare di mettere la pelle. Si aggiunge il sale, il pepe, l’olio e il basilico a piacere.

A questo punto di grande importanza  è l’emulsione con mano veloce degli ingredienti e dell’olio, questa operazione non va trascurata perché ne va della piacevolezza del gusto. Una volta raggiunto un buon amalgama, si aggiunge la cipolla scolata dell’acqua e un  mezzo bicchiere di acqua . Si continua a battere ancora , si aggiunge un pochino di origano e 4/5 cubetti di ghiaccio.

Si lascia a riposare un po’ e  la cialda è pronta per essere gustata con il pane che viene pucciato nella cialda stessa.

Leggi anche
Primavera! Tempo di asparagi e sapori dell’orto






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:

Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornati sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.