Scegliere un buon melone, potendo osservare soltanto la buccia esterna potrebbe sembrare una missione impossibile. Eppure esistono dei semplici trucchi che permettono di scegliere un melone piuttosto che un altro ed avere la certezza di aver fatto la scelta giusta!

Sai come scegliere un buon melone? Ecco i nostri consigli!

Molto spesso lasciamo al commerciante il compito di scegliere un buon melone, certi di affidarci ad un esperto che ha quindi le capacità di distinguere le qualità di un melone rispetto agli altri. Esistono però dei semplici trucchi che ci permettono di riconoscere e capire come scegliere un buon melone, per non avere più l’effetto sorpresa al momento della sua apertura ed evitare quindi inconvenienti in occasione di ospiti a cena. Ecco cosa fare!

Sai come scegliere un buon melone? Ecco i nostri consigli! (pixabay.com by Magyar)

E tu, sai come scegliere un buon melone?

Per scegliere un buon melone, occorre prestare attenzione ad alcune caratteristiche del frutto:

  • Innanzitutto bisogna osservare bene la buccia: indifferentemente dal tipo di melone (retato, del Cantalupo o invernale), la buccia deve risultare omogenea ed integra. Quindi, non devono essere presenti tagli o ammaccature. Anche il colore deve essere omogeneo e brillante, ma assicuratevi che ci sia una zona di colore meno acceso e di consistenza lievemente più rugosa. Questo indica la zona di appoggio sul terreno durante la fase di maturazione. Se risulta assente, vuol dire che il melone è stato raccolto anzitempo e lasciato maturare in fase di stoccaggio e non in modo naturale al sole.
  • Osservare poi il peduncolo che teneva attaccato il melone alla pianta. Esso non solo deve essere presente, ma deve potersi staccare senza troppa resistenza ma neanche con troppa facilità. Se il peduncolo è secco vuol dire che il melone è stato raccolto già da troppo tempo e quindi è troppo maturo. Al contrario, se il peduncolo è attaccato troppo tenacemente, vuol dire che il melone è stato raccolto anzitempo e quindi non è ancora maturo. Fate ben attenzione se il peduncolo risulta giallo e appassito: è il segnale che il melone è stato portato a maturazione impiegando etilene, che si tratta di una pratica vietata.
  • Dopo aver fatto un attento esame visivo al frutto, è importante anche avere un giusto riscontro con il tatto. Provate a premere un dito sulla buccia: quest’ultima deve risultare leggermente elastica al tatto. Dopo aver premuto non deve restare nessuna impronta, ciò significherebbe che la polpa interna è troppo matura.
  • Passiamo ora alla prova olfattiva: premendo con un dito l’estremità opposta al peduncolo, viene sprigionato il tipico profumo dolce del melone, lo stesso che contraddistingue il frutto al morso. Se non presente o poco evidente, vuol dire che il melone non ha ancora raggiunto la sua maturazione. Al contrario, se il sentore è eccessivamente forte e troppo zuccherino, significa che ha ormai superato il grado ottimale di maturazione.

Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!

Desidero inviare a Moondo una (scegli l'importo)
carte paypal



Potrebbe interessarti anche:
Iscriviti gratuitamente al canale TV: