Scopri i segreti per cucinare con il vino

Il nettare del dio Bacco è un’ingrediente che ha la capacità di dare un tocco speciale alle pietanze. Per questo, il vino è un ottimo alleato in cucina. Ecco i segreti per cucinare con il vino

Il vino in cucina

Avete mai provato a sfumare con il vino alcuni piatti in cucina, come risotti, soffritti, stufati e molte altre preparazioni? Cucinare con il vino permette di beneficiare delle numerose proprietà di un buon vino, che brucia i grassi, contiene zuccheri e profuma la pietanza.

cucinare con il vino
Scopri i segreti per cucinare con il vino. (www.star.it)

Per un corretto utilizzo, bisogna conoscere alcuni segreti. Scopriamoli insieme.

Scopri i segreti per cucinare con il vino

Innanzitutto, per poter cucinare con il vino, bisogna assicurarsi che sia di buona qualità, proprio come tutti gli altri ingredienti. Inoltre:

  • E’ meglio utilizzare una bottiglia di vino appena stappata,
  • Evitare i vini economici in busta,
  • Non utilizzare un vino aperto da diversi giorni e non conservato alla giusta temperatura,
  • Non occorre scegliere vini pregiati perché molte delle loro proprietà si perdono con la cottura.

Per assicurarci che il vino sia buono, esso non deve avere alcun retrogusto una volta aperto, come il sapore o l’odore di tappo o l’acidità. Inoltre, per cucinare con il vino, è bene utilizzare lo stesso vino con cui si pensa di accompagnare il piatto.

Una volta scelto il vino adatto, va utilizzato ad inizio cottura o a fine cottura, in base agli ingredienti. Ad esempio, nella preparazione di un soffritto va utilizzato al’inizio, mentre per profumare il piatto o per marinare le carni alla griglia, va utilizzato alla fine.

Se il piatto è destinato ad essere consumato da bambini o donne incinte, dovete sapere che l’alcol contenuto nel vino bolle a circa 77 gradi, mentre l’acqua bolle a 100 gradi. Seppur il rischio è minimo, sappiate che l’alcol versato non evapora totalmente.

Cucinare con il vino: bianco o rosso? L’eterno dilemma

Con salse come gli stufati di carne o di selvaggina, meglio il vino rosso, che ha la proprietà di sgrassare il sapore della carne, mentre con il pesce, i frutti di mare e le salse di colore più chiaro è fondamentale usare solo vino bianco. Solo il baccalà o il tonno accettano anche vino rosso. Per le carni bianche, come pollo, anatra o tacchino, meglio sfumare con vino bianco o con vino rosso contenente una quantità minima di tannino.

Potrebbe interessarti anche:
Iscriviti gratuitamente al canale TV: