Salviamo il vino rosso dalla temperatura ambiente

Se anche tu hai a cuore il più pregiato succo della terra unisciti alla petizione: Basta, vino rosso a temperatura ambiente in estate.
Per sostenere la causa non occorre registrarsi ad alcun sito o recarsi a firmare presso qualche sede di partito basta prendere una bottiglia di vino rosso e metterla in frigo!
Se stai ancora leggendo questo articolo vuol dire che non sei una persona che si impressiona facilmente. Oppure starai inveendo “lo sanno tutti che il vino rosso va servito a temperatura ambiente, solo il vino bianco si mette in frigo”.

Ma se anche tu sei amante dei buoni vini non pensi sia inutile privarsi di un buon bicchiere di rosso da Giugno a Settembre? Non pensi che potrebbe essere interessante abbinare un Pinot Nero ad un tataki di tonno? Oppure se sei stanco di essere obbligato a gustarti la tua grigliata di maiale in giardino con una Falanghina, unisciti a noi!

Bottiglia di Pinot Nero dell'alto adige, un grande vino rosso da servire alla giusta temperatura
Un grande pinot nero dell’Alto Adige se si ha voglio di piatti etnici e speziati è un ottimo abbinamento, specialmente con la cucina indiana

Non ci sono più le mezze stagioni

Tutto parte dal capire quale sia la temperatura ambiente: i 5 gradi sotto zero di Febbraio o i 40 gradi di Agosto? Si usa questo termine per indicare una temperatura tra 16 e 20 gradi, quindi è questa la temperatura di servizio per i dei vini rossi.  Per essere più precisi secondo l’Associazione Italiana Sommelier per i vini rossi vanno rispettate le seguenti temperature di servizio:

  • 12°-14° Vini Rossi delicati poco Tannici
  • 14°-16° Vini Rossi di Media Struttura e Tannicità
  • 16-18° Vini Rossi evoluti di Grande struttura e Tannicità
  • 18-20° Vini Rossi di lungo affinamento invecchiati oltre i 10 anni

Quindi in estate se lasciate il vostro vino rosso preferito a temperatura ambiente servirete in tavola un prodotto non alla giusta temperatura penalizzandone la degustazione.
La temperatura giusta quindi sia in estate che in inverno è quella della cantina. Meglio ancora dotarsi un frigo-cantina adatto per la conservazione dei vini alla temperatura corretta tutto l’anno.

etna rosso doc, uno dei miei vini preferiti da bere alla giusta temperatura in estate
Etna rosso Doc, da provare in abbinamento a cioccolato e melanzane alla parmigiana, made in sud.

Il Segreto dei Sommelier

Se non avete a disposizione una cantina il modo più elegante è portare in tavola la bottiglia e abbassare un po’ la temperatura mettendo la bottiglia di vino nell’apposito secchiello con acqua e ghiaccio. Per stupire i vostri amici e soprattutto raggiungere la giusta temperatura del vino rosso rapidamente vi svelo un segreto usato dai sommelier: la miscela frigorifera. Questa miscela si usa prevalentemente per raffreddare i vini bianchi perché la temperatura si abbassa rapidamente e quindi con i rossi va usata con cautela. Ma come funziona? In un cestello per il ghiaccio (o una pentola) mettete 2 litri d’acqua, 500 grammi di ghiaccio e 300 grammi di sale, mescolate un paio di volte e inserite la bottiglia per 3 minuti, tirate fuori e stappate. All’occorrenza per ristabilire la giusta temperatura della bottiglia reinserite la bottiglia nella miscela frigorifera.
Se non avete del ghiaccio a disposizione si può mettere la bottiglia in frigo due ore prima di servirla e controllare che abbia raggiunto la corretta temperatura di servizio del vino rosso in estate.

Attenzione ai Tannini!

Portando la vostra bottiglia tra i 14° e i 20° potrete assaporare tutte le note gustative dei vini rossi anche d’estate e abbinarli quindi alla vostra grigliata. Non dovete refrigerare il vino ma rinfrescarlo portandolo alla giusta temperatura, se la temperatura del vino scendesse al di sotto dei 14 gradi, i tannini presenti nel vino prevarrebbero su tutte le altre componenti lasciando in bocca una sensazione leggermente amara e astringente.

Non tutti i vini rossi possono essere bevuti in estate nonostante la giusta temperatura
Costa d’Amalfi Rosso 2015, Marisa Cuomo; (Freschezza e delicatezza, ottimo anche in estate)
Brunello di Montalcino, Verbena 2009; ( intenso, tannini muscolari ed acidità, meglio per l’autunno)
Barbaresco 2013, La Spinetta ( eleganza dal cuore giovane, aspettare almeno un paio di inverni)

Quali vini rossi evitare in estate

Un grande vino rosso da invecchiamento da servire ad una temperatura di 20° non è facilmente abbinabile in estate ed è meglio non rischiare di non rovinare bottiglie di questa tipologia con una eventuale shock termico. Per aprire i grandi vini invecchiati e di lungo affinamento (Barbaresco, Taurasi) meglio aspettare l’autunno, sono anche da evitare i vini molto tannici come il Brunello di Montalcino, il Chianti Classico e il Sagrantino di Montefalco.

Abbinamenti cibo – vino rosso in estate

Per finire alcuni esempi di vini rossi da bere alla giusta temperatura in estate, con un consiglio di abbinamento:

  • Lambrusco di Sorbara (Salumi e Focaccia)
  • Bonarda dell’Oltrepo Pavese (Fagioli con le cotiche)
  • Rossese di Dolceacqua (Muscoli Ripieni)
  • Etna Rosso (Melanzane alla parmigiana)
  • Costa d’Amalfi Rosso (Polpo alla Luciana)
  • Pinot Nero Alto Adige (Pollo al curry e anacardi)
  • Ciliegiolo di Narni (Gamberoni Lardellati)
  • Cortona Syrah (Bistecca alla Fiorentina)
Bicchiere di Lambrusco con tagliere di salumi e formaggi, ottimo vino in estate
Un ottimo vino rosso fresco, frizzante e profumato come il Lambrusci è l’ideale da abbinare ad un tagliere di salumi e formaggi

Per le foto e le composizioni originali ringrazio mia moglie Eleonora Padovan.
E voi cosa ne pensate, quale vino rosso preferite bere in estate? Avete qualche suggerimento? Scrivetelo nei commenti

Leggi anche:


Piaciuto l'articolo?

Esprimi il tuo giudizio da 1 a 5 stelle

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Verando Zappi
Verando Zappi, 34 anni, Marketing and communication manager Aiuto le aziende a raggiungere velocemente i propri obbiettivi, attraverso la realizzazione di campagne di marketing volte al conseguimento di risultati immediati. Specializzato in web marketing e lead generation. Innamorato di mia moglie Eleonora, della vita e di Nerina. Appassionato di wine e food, 10°Classificato a Masterchef 8 e diplomato Sommelier Ais.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here