English EN Italiano IT

Questa settimana parliamo di:

Alta Marea Zuppa di pesce Civitavecchiese

Zuppa di pesce Civitavecchiese

Autore del contenuto

English EN Italiano IT

Zuppa di Pesce come veniva preparata dalla mia amica Elena e che “gelosamente” tratteneva per sé… Un furto aggravato dall’uso indebito dell’occhio!     

La “Zuppa di pesce” è, da sempre, il piatto tipico di Civitavecchia che affonda le radici della sua ricetta nella millenaria tradizione della sua storia. La seconda guerra mondiale ha praticamente raso al suolo la città, ne ha espulso forzatamente gli abitanti, ne ha quasi rubato l’identità. Con i palazzi, i monumenti, l’Arsenale del Bernini, il Porto di Traiano, la mano dell’uomo armata della falce della distruzione, ne ha reciso alla radice uomini e storia. Ed i pochi che erano rimasti hanno gelosamente trattenuto in sé racconti,storie e ricette come se fossero state bandiere.

Fatta questa piccola concessione alla malinconia è opportuno ricordare che i 7500km di costa che delineano il nostro Stivale, non omologano la cucina di mare ma,piuttosto, la differenziano.

La costa adriatica,la costa tirrenica( e qui un altro distinguo perché Livorno urla di saper cucinare il migliore caciucco), le coste sarde e le sicule, tutte, cucinano le zuppe di pesce,appellandole variamente , rivendicandone specificità e preziosità di sapore e gusto.

Da una prima analisi possiamo dire che lungo la costa adriatica è diffuso il” brodetto”, seppur diverso da regione e regione, mentre lungo la costa tirrenica trionfa, con diverse varianti, la “zuppa”.

In Sicilia, al brodo si aggiungono olive nere e capperi e in alcune zone anche uva  passa. In Sardegna, nel brodo si insaporisce la fregola che, una volta cotta,accompagna il pesce.

La mia ricetta è quella tipica della mia città di residenza ed era nel patrimonio culinario di una antica Amica,   rinomata per le prelibatezze della sua cucina, gelosamente custodita negli anfratti della sua capacità.

Sappiamo tutti che la zuppa di pesce , in qualsiasi modo ,poi, la si voglia chiamare, nasce dalla necessità di utilizzare l’invenduto del mercato;  è una ricetta povera anche se è improprio definirla così per l’utilizzo che si fa del pesce freschissimo e di secondo piano, quello che a Civitavecchia si chiamava “mazzumaia”. Al mercato, infatti andavano a ruba i pesci grossi, ma spesso rimanevano i piccoli, quelli di “paranza”che la pesca a strascico portava con se’ nella rete.

Questo piatto, con il tempo, ha conosciuto una nuova valorizzazione proprio nel desco familiare attesa la scomparsa nei menù della ristorazione a pagamento.

Zuppa di Pesce provata

La ricetta è modificata dall’uso di pesce nobile e non più di mazzumaia

Ingredienti per 6 persone:
1 Scorfano,
1 Polpo(tagliato a pezzi)
1 Sarago
Qualche fetta di pesce palombo
1 Cappone
Qualche aragostella
1 Seppia
½ kg di Cozze
½ kg di Volgole
½ kg di Sconciglie(lumache di mare)
2-3 Granchi pelosi
Qualche fetta di gronco 

Per il soffritto:
Abbondante olio Evo
4-5 spicchi di aglio
1 Acciuga sotto sale, pulita e deliscata
Peperoncino
(Tutti questi ingredienti vanno pestati nel mortaio)

1 bicchiere di vino Rosso
6-7 pomodori maturi
1 Cucchiaio di concentrato di pomodoro
1 Ciuffetto di prezzemolo

Preparazione
Dopo aver pestato gli ingredienti nel mortaio, versateli in un tegame abbastanza alto e largo, insieme al polpo tagliato a pezzi, le sconciglie, i granchi e la seppia (tutto il pesce naturalmente va pulito e ben lavato). 
Fare rosolare finchè i crostacei sono diventati rossi e quindi aggiungere il bicchiere di vino.
Fare evaporare. Subito dopo mettere i pomodori pelati e tagliati, mescolare un poco, poi aggiungere il concentrato di pomodoro ed almeno un litro di acqua e salare.

Fare cuocere per circa 1 ora finchè il pomodoro e la conserva si amalgamano. Aggiungere i pesci a seconda della grandezza, prima i più grossi e poi i più piccoli, le aragostelle e in ultimo le cozze e le vongole ( spurgate e pulite). Cuocere ancora pochi minuti. Fare attenzione che i pesci rimangano intatti, cospargete con prezzemolo tritato.

A parte preparate delle fette di pane tostato e sfiorato con lo spicchio d’aglio.

Mettere nelle scodelle il pane, coprirlo con il brodo, aggiungere tutti i pesci  e portare in tavola.






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:

Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornati sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.