Forno ventilato o statico: sai qual è il modo migliore per preparare le tue ricette?

Quando si preparare una ricetta che prevede la cottura al forno, spesso sopraggiunge un dubbio: programmare il forno per la cottura statica o ventilata? Forno ventilato o statico: sai qual è il modo migliore per preparare le tue ricette?

Forno ventilato

forno ventilato o statico
Forno ventilato o statico? (foto by Unsplash)

Prima di comprendere quale sia la differenza tra i due metodi di cottura, dobbiamo essere sicure che il nostro forno sia progettato per supportare entrambe le cotture. Inoltre, ricordate sempre che un forno ventilato si differenzia da un forno statico per circa 20°C (i 180°C del primo equivalgono ai 160°C del secondo).

Determinato questo, occorre comprendere la differenza tra le due modalità di cottura. Intanto, occorre sapere che usando il forno ventilato si ottiene una cottura uniforme. Grazie all’intervento di una ventola e quindi al flusso d’aria il calore all’interno dell’elettrodomestico si diffonde andando a ricoprire l’intera superficie. Attraverso questa modalità di cottura, si cuoce più rapidamente. Il cibo in questo caso resta fragrante mantenendo una consistenza morbida e gradevole all’interno e più fragrante all’esterno.

Il forno ventilato è consigliato nel caso in cui si deve cuocere più cibi contemporaneamente, quindi, si ha bisogno di un calore che vada a ricoprire ogni pietanza. Qualunque sia la dislocazione all’interno del forno (due ripiani, sopra e sotto, o un solo ripiano e due pirofile una accanto all’altra) la cottura sarà la medesima.

Forno statico

Il forno statico a differenza del ventilato ha un modo di distribuire il calore differente. In questo caso il calore viene prodotto lateralmente o verticalmente. Nel caso del forno statico la cottura ci impiegherà una tempistica più lunga e delicata. Questo metodo, infatti, lo si consiglia per ricette che prevedono pietanze cotte a puntino dentro e fuori, eliminando completamente l’umidità.

Il forno statico, dunque, è consigliato nel caso di ricette che prevedono cotture lente e delicate. Utilizzate questa metodologia quando il risultato dovrà essere be asciutto all’esterno come all’interno. Ad esempio, il pane o la pizza preferiscono una cottura con il forno statico!

Potrebbe interessarti anche:
Iscriviti gratuitamente al canale TV: