English EN Italiano IT

Questa settimana parliamo di:

C'era una volta Primavera in cucina. Le fave danno il meglio di sé.

Primavera in cucina. Le fave danno il meglio di sé.

Autore del contenuto

English EN Italiano IT

In cucina. Oltre alle fave fresche, gradite con il pecorino, salumi, con le cipolle e accompagnate dal pane, le fave vengono fatte essiccare e poi consumate lessate o ridotte a purea. Si possono mangiare crude, lesse, oppure in umido.  

Da ricordare la polenta molle, un piatto primitivo, povero, che ha origine da una polenta a base di fave secche accompagnata da verdure cotte come la cicoria. 

La storia. Le fave provengono dall’Africa settentrionale e dalla Persia. Sono annoverate tra i legumi più antichi consumati in Europa. Ne sono la prova i resti ritrovati in Svizzera, nelle tombe egizie, negli scavi di Troia e di Creta. In Grecia, durante le elezioni dei magistrati, venivano utilizzate, chiare e scure, come schede per esprimere consenso o dissenso. I romani ne facevano largo uso, nei riti propiziatori e nei riti funebri. Un’importante famiglia romana, i Fabi, aveva assunto il nome della fava.

Pitagora le avvicinava a segni infernali, per le macchie presenti nei fiori, simbolo della presenza dei morti, simbolo di sciagura e, per contro, cibo rituale in occasione della commemorazione dei defunti. Galeno riteneva le fave molto nutrienti e le indicava come la carne del povero. Per Plinio la fava intorpidisce i sensi e provoca visioni. 

Ortaggi. Le fave sono piante annuali, appartengono alla famiglia delle leguminose, il 

colore è grigio-verde. Il sapore è delicato e specialmente a primavera appaiono più tenere e più dolci, più amare in altri periodi dell’anno con la polpa più farinosa e la cuticola duplicata.

Tre sono le varietà: la fava grossa, che produce semi grandi e appiattiti impiegati nella nostra tavola, la fava piccola, dai semi tondeggianti e piccoli, impiegata nella semina, la favetta, con semidi media grandezza, è utilizzata per la conservazione in scatola oppure surgelata, dopo averle sbollentate. 

Proprietà. Per i pochi grassi e le poche calorie che contiene è ortaggio suggerito, fresco, in un’alimentazione sana e in particolare nelle diete ipocaloriche. Per contro le fave secche hanno un apporto calorico triplicato. 

Alimento altamente energetico, le fave sono ricche di sali minerali, magnesioferropotassio, rame selenio, contengono fibre carboidrati e il contenuto proteico è generosoI semi sono ricchi di vitamine del gruppo B e di proteine in particolare l’acido ascorbico.  

Se consumate crude è prezioso l’apporto della vitamina C, che aiuta ad assorbire il ferro e chi soffre di anemia.

Sono considerate un aiuto per gli sportivi, e per favorire le funzioni intestinali, in quanto contribuiscono a eliminare le tossine. Sono diuretiche e salutari per reni e apparato urinario.

Sempre fresche risultano un aiuto efficace per migliorare la concentrazione di dopamina nel cervello, grazie alla presenza di un aminoacido, la levodopa utilizzata anche nella cura del Morbo di Parkinson.

Controindicazioni. Il consumo eccessivo di fave fresche può portare al favismo, che si manifesta in persone predisposte geneticamente e portare all’anemia da fragilità dei globuli rossi. Inoltre, può portare disturbi di origine allergica.

Sul mercato si trovano fave di produzione nazionale, facilmente coltivabili e dalla ricca produzione. Provengono principalmente dalle regioni del centro sud. Sono ricercate per i gustosi semi racchiusi in baccelli di dimensioni e colori diversi a seconda delle varietà.  

Proverbio toscanoQuando le fave sono in fiore, ogni pazzo è in vigore.

Minestra di fave e piselli

Minestra di fave e piselli

Ingredienti per quattro persone

  • 800 g di fave fresche
  • 400 g di piselli freschi
  • 1,5  l di brodo vegetale
  • 80 g di pancetta 
  • 1 cipolla
  • 1 patata
  • 1 punta di peperoncino in polvere
  • 1 ciuffo di prezzemolo
  • 50 g di pecorino grattugiato
  • 4 fette di pane raffermo
  • olio extra vergine d’oliva
  • sale

Procedimento

In un tegame mettete a rosolare nell’olio caldo cipolla, prezzemolo e pancetta tagliati finemente. Aggiungete la patata fatta a pezzettini, fate amalgamare, versate il brodo, lasciate insaporire. Aggiungete le fave ed i piselli sgranati, salate, continuate la cottura per ½ ora. Ponete le fette di pane tostate al forno in una zuppiera, versate la minestra, aggiungete il pecorino grattugiato, una spolverata di peperoncino, un filo d’olio a chiudere. Servite la minestra ben calda.






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:

Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornati sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.