Questa settimana parliamo di:

Consigli e curiosità Sai che c’è un collegamento tra il cibo e la depressione?

Sai che c’è un collegamento tra il cibo e la depressione?

Autore del contenuto

La tua autostima è ai minimi livelli e svolgere le attività più normali ti pesa? Questi sono i primi sintomi di uno stato depressivo. Sai che c’è un collegamento tra il cibo e la depressione?

Il cibo e la depressione: sono troppo stanco

il cibo e la depressione
Collegamento tra il cibo e la depressione (foto by pixabay)

La depressione è un disturbo invalidante che va ad intaccare la sfera cognitiva ed affettiva. I primi sintomi di questa patologia sono una scarsa autostima in concomitanza con una stanchezza continua anche nello svolgere azioni appartenenti alla quotidianità. Questo disturbo affligge persone di ogni età soprattutto adolescenti e adulti in età tra i 30 e i 40 anni.

La tristezza da cui scaturisce tale disturbo è determinata da fattori biochimici, psicologici, ambientali, emotivi. Ad esempio, un periodo di forte stress, i problemi quotidiani sia nella sfera famigliare che lavorativa, sono motivi che hanno una forte incisione. Nelle situazioni più lievi, queste situazioni possono essere contrastate anche con piccoli ma determinanti gesti. Infanti, cambiare abitudini anche sotto

Il cibo e la depressione: un cambio di abitudini riporta il sorriso

Un metodo per contrastare la depressione, particolarmente efficace nei casi lievi, è apportare un repentino cambio di abitudini per dare uno scossone alla routine. Partendo dal presupposto che una buona dose di movimento giornaliera stimola il rilascio di endorfine (sostanze che fanno tornare il buonumore), in caso di periodi stressanti e particolarmente negativi possiamo seguire delle piccole regole.

  1. Seguire un’alimentazione regolare partendo dal non saltare i pasti: mantenere un livello costante di nutrienti nel sangue evita le oscillazioni di umore;
  2. Optate per alcuni alimenti che intervengono direttamente sulla serotonina come: frutta secca, verdure a foglia verde (spinaci, cavoli, asparagi e funghi), uova e cioccolato, semi di zucca, pesce azzurro e salmone, legumi, frutti di bosco, spezie (origano, basilico e peperoncino).





Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:

Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornati sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.