Il baba ganoush è una salsa, perfetta per accompagnare del pane arabo nei vostri antipasti. Hai mai pensato di preparare del caviale di melanzana? Scopri come preparare il baba ganoush.

Cos’è il baba ganoush

Baba ganoush
Baba ganoush – caviale di melanzane (foto by Pixabay)

Il baba ganoush, conosciuto anche come caviale di melanzana, è una salsa tipica dei Paesi mediorientali. Essendo una ricetta particolarmente diffusa, ne esistono delle varianti ma a parte qualche sfumatura, il procedimento è lo stesso per tutti. il baba ganoush è una salsa che si sposa alla perfezione con il pane arabo e con l’humus. Inoltre, è particolarmente indicata assieme ai falafel. È, dunque, una salsa che potrebbe arricchire i nostri antipasti o i nostri piatti unici in ogni occasione.

Cosa serve per preparare il baba ganoush

Per la preparazione del baba ganoush per 6 persone vi occorrono:

  • 2 melanzane di media grandezza
  • 50 gr di tahina
  • Succo di un limone
  • Uno spicchio d’aglio
  • Menta q.b
  • Coriandolo fresco q.b.
  • Pepe q.b.
  • Sale q.b
  • Olio Evo

Come si prepara il baba ganoush

La preparazione del baba ganoush inizia con la pulizia delle melanzane. Lavate, quindi, le melanzane e, lasciandole intere, infornatele a 180°C per almeno un’ora. Quando le melanzane saranno diventate morbide e scure tiratele fuori dal forno e lasciatele raffreddare. Una volta fredde, spellate le melanzane e frullatene la polpa assieme alla tahina, allo spicchio d’aglio e al succo del limone. Quando tutti gli ingredienti nel frullatore avranno formato un composto ben amalgamato, aggiustate con un pizzico di sale, un cucchiaio di olio Evo ed una spolverata di pepe.

A questo punto trasferite la salsa in una ciotola ed andate ad aggiungere le erbe aromatiche, in questo caso, la menta ed il coriandolo, ma potete utilizzare quelle che più vi aggradano. Portate la ciotola con la salsa direttamente a tavola, assieme a del pane arabo o ai falafel.

Buon appetito!


Piaciuto l'articolo?

Esprimi il tuo giudizio da 1 a 5 stelle

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Deborah Farinon
In volo sulle ali della mia fantasia! Così mi descrivo sin da quando sono una bambina, perché così è come mi sento: sono curiosa e adoro farmi stupire continuamente da ciò che mi circonda, amo la natura, le sfide, la creatività. Tutto questo mi ha permesso di diventare la persona che oggi sono e fare il lavoro dei miei sogni: l’educatrice! Non si deve mai aver paura di mettersi in gioco!!!